giovedì 2 aprile 2020

Ghirlanda di primavera e Freebie tutorial fiori di pannolenci

Non ho coraggio di dirvi da quante "primavere" è pronto questo post. Che poi si trattava solo di scriverlo meglio e premere "pubblica".. Dai che magari è la volta buona.

Oggi finalmente vi parlo di questa bellissima esperienza che ho fatto "una" primavera di un anno che non confesserò mai e poi mai :D

Un giorno mi è arrivato un semplice messaggio da una mia amica che diceva circa così: hai voglia di fare un corso volontario e gratuito per lo Sportello Donna del mio paese? 

Devo essere sincera: in quel periodo potevo dire tutto tranne che si. Ero stanca, stressata, preoccupata da varie cose e non potevo caricarmi anche di un impegno così importante. 
Ed invece le mie dita da sole, hanno semplicemente scritto: Si! 

Il laboratorio poi si è svolto così: tre serate da un'ora e mezza ciascuna, circa dieci partecipanti, costo contenuto, meno attrezzature possibili. 

Con la primavera in arrivo la scelta è stata abbastanza semplice, mi sono buttata su una ghirlanda di fiori! 

Innanzitutto vi mostro i prototipi.. in arancio e lilla-viola


                                        

                                            


E ho voluto assolutamente preparare un pensiero per tutte.. una spilla con un fiore di pannolenci con il nome di ciascuna..  regalo apprezzatissimo!

                                         

Ma poi, sono proprio una zucchina... tanta preoccupazione ma è andata davvero, davvero bene. Le mie corsiste mi hanno accolto subito con gran calore, chiedendomi immediatamente se avessi dei progetti per il Natale e per tutti i futuri laboratori.. 

E' stato bello, perchè in mezzo a tutte quelle donne unite nel semplicemente passare un'ora fuori dai pensieri, mi sono sentita come a casa davanti a una tisana con delle amiche.

Nelle tre serate abbiamo riso, scherzato e condiviso.. si, condiviso, perchè  ognuno proveniva dal suo mondo, chi il cucito, chi il punto croce, chi la pasta e sale.. e ognuna ha messo la propria esperienza. Ho insegnato, ma imparato tanto. 

Ecco alcuni momenti... (scusate le foto scure ma la luce all'interno era terribile)








All'ultima sera ho ringraziato e salutato le volontarie dello sportello, lasciando loro una ghirlanda speciale.




Devo dire la verità che la preparazione del corso non è stata per niente facile. Cercare materiale economico, tentare di arrivare un pò alle varie manualità che potevano presentarsi, e non per ultimo la gestione degli spazi, del tempo e delle attrezzature. Inizialmente sono partita demoralizzata, ma poi mi sono fatta forza pensando alle donne che potevano beneficiare di queste serate che avremmo passato assieme. Per rendermi conto poi, che di questa esperienza ne ho beneficiato pure io e ho conosciuto delle persone che ancora adesso sono presenti nella mia vita, e con le quali ho proseguito con varie collaborazioni e amicizie.

Tutto questo per aver detto quel si..

Ho pensato di condividere con voi il tutorial che ho preparato per il corso, dove spiego come creare i fiori in pannolenci senza la fustellatrice. 

Clicca qui per scaricare gratuitamente il pdf tutorial
E sono arrivata alla fine di questo post.
Se avete bisogno di qualsiasi informazione, commentate il post o scrivetemi. Sarò contenta di rispondervi.

Alla prossima!
Lidia

mercoledì 25 marzo 2020

Video tutorial Segnalibro

Mi sembra solo qualche tempo fa di aver scritto un post per il blog.. e poi e poi e poi e poi.........

......... orrore degli orrori... è passato praticamente un anno... ops no... sono due... eh no, sono praticamente due e mezzo?!??!!! Così tanto? Possibile?

Non inventerò nessuna scusa del tempo o cose simili. E non dirò nemmeno che il blog è superato rispetto ad altri canali... 

Semplicemente un blog richiede un bel pò di impegno rispetto ad altri social.. qui ci sono da selezionare le foto, scrivere, cancellare e riscrivere, e leggere e rileggere per cambiare quella virgola che per me fa la differenza. Sapete come io ci tenga a farlo bene, nel possibile intendo.. quindi.. mi scuso tantissimo e tento di riprendere da dove mi sono fermata. Che poi mi sento come la famosa particella di sodio.. c'è qualcuno? Forse si forse no.. ma intanto.. eccomi qua.

Con l'emergenza sanitaria attuale, penso che un pò tutti siamo costretti a rivedere qualcosa. Io ho sistemato cassetti, riordinato varie cose, cucito, cucinato e impastato come non mai.. e poi ho pensato "nessuno può mettere il mio blog in un angolo". 

Ed ecco perchè sono tornata.. perchè la mia creatività non si è fermata, si sta solo trasformando piano piano.. e stavolta volevo direttamente mostrarvelo... in che modo???

esattamente questo!




Si, quelle mani che vedete sono proprio le mie! 

Tutto è cominciato in maniera molto easy da mio marito, con un discorso del tipo: "Ho pensato che potresti fare dei video e io te li monto" Semplice no??

Questa cosa è rimasta così sospesa per qualche mese... non sapevo esattamente se mi piaceva, se ero pronta, se potevo farcela, se ero in grado, cosa proporre, se potevo continuare in maniera frequente..

Finchè un mesetto fa dovevo fare un segnalibro.. e ho pensato.. perchè no.. non cambia nulla in quello che devo fare e magari posso essere utile a qualcuno ...e così eccolo qua.

Non so dove andrò e dove mi porterà questo inizio.. ma spero vi piaccia.. 

A presto (e spero prima di altri due anni e mezzo!!)
Lidia

mercoledì 11 ottobre 2017

Battesimo pietro - card e girandole


Ve la ricordate quella cosa chiamata estate? Quando mi sono trovata con la mamma di Pietro per realizzare assieme card e girandole per il battesimo, era un caldissimo pomeriggio di maggio.

Sembra incredibile pensarci adesso.. tra taglia e incolla mangiavamo le ciliegie...

Dalle nostre mani, dopo mille peripezie per trovare le carte, e i vari materiali annessi, sono uscite queste bellissime card con (mi ripeto sempre ma non ho altra soluzione) le bellissime giraffe della coppia creativa

Volutamente tutte diverse.. con i palloncini di tutti i colori.. e i fili dei palloncini disegnati con le matite acquerellabili. Sono stata contenta di quello che è uscito.. soprattutto perchè lavorare assieme ad altre persone mi mette sempre allegria.. per le chiacchiere, per la condivisione.



E non potevano mancare girandole altrettanto colorate! Stavolta però mi sono attrezzata per bene.. ho azzardato un acquisto un pò (come dire) estremo per me.. la pinwheel punch board della We R..

Ne sono stata estremamente soddisfatta.. in poco tempo ho realizzato una montagna di girandole.. che per farle a mano ci avrei messo un'eternità.

Oltretutto con questo attrezzo si possono fare girandole di due tipi! Nei vari video di you tube, viene addirittura usato l'acetato.. quindi.. provare per credere! 





Stavolta abbiamo abbandonato per un attimo i confettini colorati e tornate alle origini con i cari vecchi confetti normalissimi di mandorla (mamma che boni.. mentre li confezionavamo ce ne siamo pappati una montagna!). Siamo riuscite ad inserirli nella girandola confezionandoli con del toulle, bucando lo stecco e chiudendo sul davanti. 




E insomma ecco.. anche stavolta girandole e giraffe sono state la coppia perfetta!
Ciao alla prossima!

Lidia

martedì 3 ottobre 2017

Come ho rivestito un vecchio Photo Album

Chi mi conosce sa che tengo e recupero molti materiali.. Io guardo qualsiasi cosa e ci vedo la creatività.. mi capita di fantasticare anche sui sassi che calpesto in montagna, sugli imballaggi degli alimenti.. e varie ed eventuali... si lo so sono da curare.. 

La storia che vi racconto oggi è di questo album.. acquistato la bellezza di 10 anni fa: il classico album con dentro le bustine per contenere le foto. Io ci avevo messo i provini del matrimonio. Principalmente lo avevo acquistato perchè mi piaceva la copertina.



E.. è capitato che.. non so perchè ma un giorno ho guardato questo album e sapevo di non volerlo più così.. e invece di lanciarlo direttamente nel cestino ho preso e.. l'ho rivestito!

In un colpo di pazzia ho proprio tolto tutte le foto e buttato via le bustine interne che nel tempo si erano abbastanza rovinate. Poi sono partita dal bordo e aiutandomi con del biadesivo l'ho rivestito con della stoffa di lino acquistata all'ikea.



E poi pian piano tutto è venuto da sè.. ho rivestito la copertina con una bellissima carta acquistata da Tassotti.. questo il loro sito ma se avete mai la fortuna di andare a Bassano del Grappa prima del famoso ponte, trovate il loro negozio.. vi immergerete in una bellissima atmosfera di carte con la grammatura perfetta per realizzare origami, rivestimenti di scatole, pacchetti regalo, bustine e .. insomma tutto quello che volete!



Completato il rivestimento dell'album dentro e fuori ho voluto anche plastificarlo.. ho preso un rotolo di plastica adesiva e con tanta pazienza e con un righello pian piano ho fatto tutto. 

E sapete poi come ho risolto per l'interno? Ho finalmente usato un acquisto preso da Di corso in corso ... il singolo meccanismo ad anelli, che ho fissato con degli occhielli.



Ed ecco finito il mio album! Cosa ne farò? L'idea è di mantenere comunque le foto dei provini del matrimonio, con aggiunta di... il lavoro è cominciato e lasciato a metà.. come al solito ho pensato in grande... troppo in grande.. e il tempo è poco.. e... insomma è una storia che sicuramente tutte voi creative conoscete bene.. comunque sarà prossimamente su questi schermi.. forse...




E voi? Tentate il recupero di cose che non vi piacciono o vanno dirette nel cestino? o siete quelle che tengono tutto per crogiolarsi nel ricordo? Oppure accumulate e basta? Curiosa io :D

Ciao alla prossima